WEB: lo specchio che ci mostra ciò che siamo?

Ricevo sempre più spesso inviti a parlare del tema dell'adolescenza e del web con tutte le questioni ad esso correlate sintetizzabili nei problemi e rischi del web e del suo uso, del possibile abuso o della temuta dipendenza. 


Ogni volta che più in generale penso agli adolescenti ed ai loro comportamenti mi chiedo anzitutto cosa essi trovino in questi. E in questo caso specifico mi chiedo: ma perché i nostri ragazzi stanno così bene nel web? 
E ancora altre domande:
Una dipendenza nasce dall'uso senza limite o dal bisogno di coprire una mancanza? 
L'uso alcune volte volgare, aggressivo, violento, indecente del Web può essere messo in atto da un adolescente con belle relazioni, con desiderio di vita e di legami? Capace di ascoltare e comprendere il prossimo?
Il Web è un mostro che trasforma le persone o è uno specchio che semplicemente ci mostra il mondo che noi abbiamo costruito per loro ed il loro modo di abitarlo? Loro stessi in fondo non sono ciò che noi siamo stati capaci di costruire con loro? Non sono semplicemente il frutto del loro incontro con la nostra storia e viceversa?
Ed allora mi chiedo, ancora una volta, la risposta non può essere l'educazione alla bellezza, alle relazioni, all'ascolto, alle emozioni, allo stare insieme? 
Per un web in cui dirsi ancora una volta ti amo dopo averlo fatto per tutto il giorno di persona… 

Per un virtuale a misura umana.